DRY

 
Continua l'esplorazione di WE R FOOD nel mondo Bartendency. Scenario della terza tappa è ancora Milano dove, in via Solferino, trova luogo Dry: cocktail bar diventato in pochi anni punto di riferimento per il good beverage, capace di mixare in un luogo dove le idee accadono design, modernità, qualità. Un locale originale a partire dal nome che è anche l'acronimo di Don't Repeat Yourself.
 
 
 
Il designer scelto per il nuovo progetto è Gio Tirotto. Sua è l'idea creativa, espressa attraverso la manifattura di tre libri fatati che rappresentano gli ingredienti del liquore tipico dei colli piacentini, raccontatata attraverso l'occhio fofografico di Luca Privitera.
Sono Gio Tirotto e Luca Camminati, amici da sempre, che producono il distillato RYTO protagonista del cocktail The Old Ryto inventato per l'occasione da Lorenzo Andreoni, direttore del locale e Beatrice Rocco, giovane bartender.
 
 
 
Il risultato è a dir poco magico." Abracadabra - racconta Gio Tirotto - è la scenografia di un racconto immaginario in cui il tempo, l'eccellenza e l'antica ricetta del Bargnolein, valori fondamentali di RYTO, si fondono con DRY, location in cui la composizione di un cocktail diventa una precisa sequenza di azioni frutto di una profonda ricerca degli ingredienti scelti. Ho cercato, così, di costruire un racconto che riesca a scavare nel profondo di chi osserva, cercando di spingere l'immaginazione fino a trovarsi in un luogo nuovo, immaginario appunto, dove forze sconosciute creano e compongono a loro modo gli ingredienti, regalandoci una nuova medicina on the rocks, guarnita con bacche di una pianta selvatica chiamata Prunus Spinosa.
 
 
 
 
PH Luca Privitera